Scacco matto!! ♜♖

Scacco matto!! ♜♖

Ho giocato a scacchi una sola volta. Ero piccola e l’unica regola che avevo recepito era che la donna era forte e poteva muoversi ovunque. Detto questo, dopo aver spostato qualche pedone, magicamente la mia regina si era ritrovata a fianco al re. Ovviamente mi dissero che non si poteva fare così e poi da quel giorno non ho più giocato. Ammetto, però, che dopo aver visto La regina degli scacchi un po’ di voglia di imparare mi è tornata…

Ammettiamolo… a chi non è piaciuta questa serie?? 😍
(Se non l’avete ancora vista, fatelo subito!!)

la regina degli scacchiEh si, perchè La regina degli scacchi ha conquistato proprio tutti, tanto da aver ottenuto due nominations ai Golden Globe 2021 nella categoria di Miglior Miniserie e Miglior Attrice in una Miniserie per Anya Taylor-Joy. (Il 28 febbraio sapremo se vincerà o meno!!)

Ma vediamo di cosa parla… 
La storia si svolge tra gli anni ‘50 e ‘60. 
Rimasta orfana a 8 anni, Beth Harmon cresce in un orfanotrofio del Kentucky. Parla poco, è chiusa in stessa e sviluppa una certa dipendenza per i tranquillanti. Ma è proprio qui che sviluppa la sua passione per gli scacchi, un microcosmo da dominare di cui lei è l’assoluta padrona. E’ il custode dell’orfanotrofio, Mr. Shaibel, a insegnarle a giocare ed è grazie a lui che Beth inizia a muovere i primi passi nel mondo degli scacchi, universo prettamente maschile…

Sono diversi i motivi per cui mi è piaciuta questa serie… Vediamo se riesco a convincere chi non l’ha ancora guardata a farlo…

#1. Lei. Anya Taylor-Joy!!
anya-taylor-joyNon potevano fare scelta migliore. E non parlo solo dell’interpretazione, che non metto in discussione, ma anche del suo aspetto estetico. D’accordo, non ho letto il libro, quindi di fatto non so come viene descritta, ma non vi è mai capitato di dire in relazione a un’attrice o a un attore e al suo personaggio: «E’ lu*, è perfett*!!». Ecco, questo è quel caso. Sarà il taglio dei capelli, il colore rosso, gli occhi… non so, ma è lei, è perfetta!! Non riuscirei a immaginarmela diversamente… 

#2. E’ una storia di formazione. Nel corso delle 7 puntate, vediamo Beth crescere e cambiare, relazionarsi con gli altri personaggi, diventare donna, ma anche una abile scacchista. Non immaginatevi, però, una cosa alla Holly e Benji… perchè Beth avrà i suoi momenti no e le sue sconfitte!! 

#3. I personaggi di “contorno”. Sicuramente Beth è il personaggio meglio sviluppato, ma è anche quello principale. Ciò non toglie che anche gli altri personaggi abbiano la loro caratterizzazione, di minore o maggiore importanza. E ognuno di loro appare e scompare (ep. 4: immaginavo sarebbe successo, ma non pensavo così presto!!) sempre al momento opportuno, anche quando meno ce lo si aspetta.

la-regina-degli-scacchi-mr-shaibel

Immagine 1 di 7

#4. Rende il gioco degli scacchi davvero affascinante!! 🤩 Insomma, se dovessi pensare a un gioco divertente o interessante, non sarebbero gli scacchi… Bisogna seguire le regole, conoscere gli schemi, stare concentrati… Una cosa un po’ noiosa. Eppure qui è avvincente. E’ come essere su un campo di battaglia, in un corpo a corpo e chi resta in piedi vince!! Emozionante… 

la regina degli scacchi-scacchiera

 

#5. I suoi vestiti!! Soprattutto quello bianco e nero che indossa durante una sfida. 😍 

Beth-Harmon-canotta

Immagine 1 di 8

In molti confidano in una seconda stagione, ma sinceramente spero non la facciano perchè rovinerebbe tutto. La regina degli scacchi è perfetta così com’è con le sue sette puntate.

Fammi diventare famosa!! 😂
Back to Top