Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria

Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria

Il film di oggi l’ho citato nei Consigli del Sabato Sera del 10 aprile, dicendo che avrei approfondito nei prossimi giorni e oggi finalmente ve ne parlo. 
Si tratta di Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria, film d’animazione cino-statunitense del 2020 diretto da Glen Keane e John Kahrs, nomi noti nel mondo dell’animazione Disney. Per il primo potremmo citare La sirenetta, La Bella e la Bestia, Aladdin, Rapunzel,… Per il secondo Monsters & co., Ratatouille, Paperman, Frozen,La sceneggiatura, invece, è stata scritta da Audrey Wells (Sotto il sole della Toscana, Shall we dance?) scomparsa prematuramente due anni fa e proprio a lei è stato dedicato questo film.

Over the Moon è un film dolcissimo che, ammetto, mi ha fatto versare qualche lacrimuccia. L’ho trovato molto profondo per le tematiche trattate, ma al tempo stesso molto tenero e semplice, cosa che lo rende adatto sia per i bambini che per gli adulti. 

over-the-moon-famigliaE’ la storia di Fei Fei, una bambina cinese che vive felicemente con i suoi genitori, gestori di un’attività che produce i famosi mooncakes. Alla sera ama ascoltare la famosa leggenda di Chang’e, dea della Luna, in perenne attesa del suo amato Houyi. Tutto va per il meglio, fino a quando improvvisamente la mamma viene a mancare e, anni dopo, il papà mostra l’intenzione di risposarsi con un’altra donna. Fei Fei decide, quindi, di partire alla volta della luna e della città di Lunaria per dimostrare al padre l’esistenza di Chang’e e dell’amore eterno. Con lei in questo viaggio spaziale, ci saranno il futuro fratellastro Chin e Bungee, una coniglietta bianca regalatale dalla madre. 

over-the-moon-chang'eIl punto di partenza di questa storia è la leggenda cinesa di Chang’e, dea della Luna, e di suo marito Houyi. Ovviamente ne esistono diverse versioni, ma in sostanza Chang’e era la moglie di Houyi, un famoso arciere che sconfisse 9 dei 10 soli che illuminavano la Terra e, in premio, ricevette una pozione in grado di renderlo immortale. Ma non fu lui a berla, bensì Chang’e che iniziò a fluttuare verso la luna separandosi per sempre dal suo amato. Ed è proprio su quest’ultimo gesto che Over the Moon pone l’accento. 

over-the-moon-feifei-bungeeLa pellicola esplora tematiche importanti, quali la perdita, la solitudine, il superamento e l’accettazione del cambiamento, proponendo tre punti di vista differenti: Fei Fei, Chang’e e il papà. In maniera più o meno marginale, chi più chi meno ognuno di questi tre personaggi affronta a proprio modo ciò che consegue alla perdita di un proprio caro. Si trovano costretti a compiere un viaggio interiore, scontrandosi con la triste realtà e fronteggiando ciò che tenevano sopito nei loro cuori. Consapevoli, però, che con l’aiuto degli altri si può trovare un’uscita e un nuovo equilibrio. Ecco, quindi, che il viaggio sulla luna diventa metafora del loro percorso personale, soprattutto di Fei Fei.

over-the-moon-lunariaMa come detto sopra, Over the Moon è a tutti gli effetti un cartone per bambini. 
Mi è piaciuto molto come è stata concepita la città di Lunaria con le sue architetture futuristiche che si contrappongono al più equilibrato paesaggio della cittadina cinese. Una città magica, quasi fantascientifica che ti incanta con i suoi colori fluo, sgargianti e luminosi. 
E poi le canzoni che devo dire ho apprezzato. Alcune più serie, altre più divertenti. Molto varie e orecchiabili. (Di tanto in tanto le canticchio!!)

Insomma, Over the Moon è un film che fa emozionare e, perchè no, anche riflettere. Un po’ sottovalutato secondo me perchè meriterebbe di più, invece rischia di cadere nel dimenticatoio. (Banalmente, non so se lo avrei visto se non fosse stato nominato ai Golden Globe e agli Oscar). Per quanto mi riguarda, a me è piaciuto molto e penso che se lo guarderete non ve ne pentirete. Consigliato!!

Preparate i fazzoletti!!… 

Fammi diventare famosa!! 😂
Back to Top