Nomadland, il miglior film agli Oscar

Nomadland, il miglior film agli Oscar

NOMADLANDDirettamente su DisneyPlus (o al cinema nelle regioni in cui sono aperti), esce oggi Nomadland il film vincitore di tre Premi Oscar, tra cui Miglior Attrice Protagonista, Miglior Regista e soprattutto Miglior Film. 

Sin dal suo debutto alla Mostra del Cinema di Venezia, Nomadland ha conquistato la critica facendo incetta di premi. Infatti, non si è aggiudicato soltanto l’Oscar, ma anche il Leone d’Oro, il Golden Globe, il Bafta e molti altri. Inoltre, Chloé Zhao è la seconda donna ad aggiudicarsi l’Oscar (e non solo) come Miglior Regista, preceduta solo da Kathryn Bigelow nel 2010, ma è la prima di origine asiatiche, segnando così un punto di svolta nella storia del cinema. 

Zhao Ting, in arte Chloé Zhao, nasce e cresce a Pechino per poi andare a studiare in America. Dopo una serie di cortometraggi, esordisce con il lungometraggio Songs My Brothers Taught Me del 2015. Ma è grazie a The Rider - Il sogno di un cowboy che inizia a ottenere il successo e a farsi conoscere. La consacrazione arriva con Nomadland!! Inoltre, Chloé Zhao è stata scelta per dirigere Gli Eterni, il nuovo film Marvel in uscita il 5 novembre 2021.

nomadlandIl film si ispira al libro della giornalista Jessica Bruder, Nomadland – Un racconto d’inchiesta, che documenta la vita di alcuni nomadi, gli stessi che compaiono nel film. Ma di cosa parla Nomadland?? E’ la storia di Fern. Dopo aver perso il marito ed essere rimasta senza lavoro a causa della Grande Recessione, decide di vendere tutto per acquistare un furgoncino che diventerà la sua casa, intraprendendo una vita on the road. In questo viaggio, si dividerà tra lavori saltuari e incontri con persone molto speciali.

Sicuramente un film vero nel senso stesso della parola, a metà tra finzione e documentario. Molte delle scene sono state improvvisate, complice il fatto che la maggior parte degli attori, a eccezione di Frances McDormand e David Strathairn che interpretano rispettivamente Fern e Dave, sono davvero dei nomadi. Linda May, Swankie, Bob Wells non sono nomi di personaggi fittizi, ma reali. Sono i volti delle persone che incontriamo lungo la strada e che impariamo a conoscere. Ci chiediamo perchè abbiano scelto quel tipo di vita, quali sono i motivi che li hanno spinti a lasciare tutto per intraprendere un viaggio on the road. E il film prova a dare delle risposte con un occhio attento alla condizione dei nomadi. Vengono raccontati i loro vissuti, le loro storie, le loro verità. Ogni loro parola ha un peso e ti lascia qualcosa, anche quando un personaggio appare pochi minuti sullo schermo.

Nomadland è anche un film che scava nell’intimo della sua protagonista, Fern. Un personaggio fittizio quanto reale, grazie all’interpretazione della bravissima Frances McDormand, che arriva a quota tre statuette come Migliore Attrice Protagonista.

nomadland-frances-mcdormadFern intraprende questo viaggio on the road per sopperire alla perdita del suo lavoro e della sua casa, ma diventa molto di più. Si fa metafora di un viaggio interiore: per colmare l’assenza e il vuoto lasciato dal marito, perchè ricordare non basta bisogna ritrovare il senso stesso della vita e dell’esistenza. Ma anche un viaggio di condivisione: di storie, di ricordi, di luoghi, con chiunque si abbia la fortuna di incontrare lungo il cammino. I paesaggi stessi diventano una rappresentazione del suo animo: tra deserto e montagne, c’è da perdersi!! Distese immense di vuoto dove venire a patti con se stessi, con quanto si tiene dentro. Il furgoncino diventa la sua casa, perchè in nessun altro posto si sente a suo agio. 

E poi il gioco tra i silenzi e le bellissime musiche di Ludovico Einaudi che accompagnano l’alternarsi delle immagini. Un connubio perfetto che ti avvolge e ti coinvolge maggiormente nella storia. Un film lento e profondo che ti tocca dentro che bisogna guardare e ascoltare con attenzione per comprendere le sue tante verità.

Nomadland è un film che riflette sulla condizione dei nomadi, sulle loro storie e sui loro vissuti. Ma anche sulla crisi economica in America, la perdita del lavoro e del proprio ruolo nella società. Sicuramente un film che merita di essere visto anche se potrebbe risultare pesante. 

Ci vediamo lungo la strada…

Fammi diventare famosa!! 😂
Back to Top